Oria (Brindisi, Puglia): cosa vedere

Abbiamo trovato davvero una bella giornata per fare una passeggiata e spiegare cosa vedere a Oria in provincia di Brindisi (Puglia).

Daniela ed io siamo rimasti molto affascinati dalla città pugliese che si trova nel territorio del Salento. La nostra favolosa esperienza tra centro storico, porte, Parco Montalbano e musei ci ha fatto inserire la località turistica tra le più belle da raccontare su DoveAlSud.

Oria centro storico, negozi
Oria centro storico: passeggiando tra vicoli e negozi.

Per non parlare della Cripta delle Mummie e del Quartiere Ebraico. Bene, non anticipiamo tutto, perché consigliamo di leggere tutti i nostri consigli con approfondimenti. Siete pronti? Seguiteci!

Cosa vedere a Oria

Scopriamo nei dettagli cosa vedere a Oria (Brindisi, Puglia). Durante una bella mattina con il sole, fino al pomeriggio, abbiamo passeggiato tra vicoli e scorci della città vecchia per visitare i punti più interessanti della località turistica.

In più, abbiamo chiacchierato con gli abitanti del luogo, perché a me e Daniela piace molto sentire il contatto con la gente dei paesi che visitiamo. Il calore e i colori di un luogo si percepiscono solo vivendo un posto e parlando dal vivo. Il faccia a faccia non si potrà mai sostituire con la vita virtuale.

Porta Manfredi e Porta degli Ebrei

Consigliamo di entrare nel centro storico tramite una delle due porte di Oria. Noi facciamo il nostro ingresso nel borgo antico tramite l’accesso di Porta Manfredi. Questa entrata si chiama anche Porta Lecce o Degli Spagnoli.

Porta Manfredi di Oria
Foto di Porta Manfredi di Oria.

La Porta degli Ebrei rappresenta l’ingresso nel ghetto Ebraico. L’entrata è conosciuta anche con i nomi di Porta Taranto o Porta Piazzella. Da non perdere anche i dipinti che si vedono subito dopo aver varcato ognuno dei due ingressi.

Porta degli Ebrei Oria
Porta degli Ebrei a Oria (Brindisi, Puglia)

Centro storico di Oria

Adesso ci addentriamo nel centro storico di Oria tra viuzze strette, vicoli caratteristici e palazzi antichi. La città vecchia è molto suggestiva in tutti i periodi dell’anno. Consigliamo di visitare il borgo pugliese in primavera-estate, ma anche in autunno-inverno con più tranquillità. Perdetevi a piedi nei 4 rioni del paese vecchio.

Centro storico di Oria
Centro storico di Oria, passeggiata nei vicoli caratteristici della città vecchia.

Noi due non vediamo l’ora di tornare per gustare il centro storico di sera durante le vacanze in estate. Oria centro storico sarà sicuramente fantastica da vivere quando fa caldo, magari all’aperto in qualche bel ristorante o seduti davanti a un bar a bere una bevanda fresca e dissetante.

Sedile in piazza Manfredi

Attraversiamo la porta del centro storico e ci troviamo in piazza Manfredi con la vista del Sedile di Oria. Il palazzo con l’orologio in alto, rappresenta il simbolo della piazza ed è un monumento da vedere. Salite anche le scalette per vedere lo stemma della facciata interna attraverso il cancello di ingresso.

Sedile di Oria
Palazzo Sedile di Oria in Piazza Manfredi.

Cattedrale di Oria

Camminando nel centro storico alla scoperta di scorci caratteristici, arriviamo davanti alla Basilica Cattedrale di Oria dedicata a Santa Maria Assunta in Cielo.

Cattedrale di Oria
Cattedrale di Oria (Brindisi) dedicata a Santa Maria Assunta in Cielo.

Daniela ed io suggeriamo di soffermarvi a vedere Piazza Cattedrale per esplorare gli angoli più suggestivi. Alle spalle della Basilicata Cattedrale è possibile vedere la Torre Palomba, cioè un probabile resto della fortificazione messapica. Torre Palomba viene denominata anche “Carnara”, perché servì come ossario.
Trovandovi in questa posizione, tra le altre cose, potete vedere anche il Palazzo Vescovile.

Palazzo Vescovile Oria
Palazzo Vescovile di Oria (Brindisi, Puglia).

Cripta delle Mummie di Oria

Questo è davvero un pezzo forte da visitare, parliamo della “Cripta delle Mummie” di Oria. Il luogo è decisamente suggestivo e crediamo che, chi sta visitando tutti i posti più caratteristici della Puglia, non può perdere questo tesoro nascosto. Alla fine del paragrafo vi indichiamo anche orari e informazioni sulla prenotazione.

Oria Cripta delle Mummie
Oria Cripta delle Mummie: cosa vedere.

Si entra nella Basilica Cattedrale e da qui si arriva a una scala per accedere all’Oratorio Arciconfraternita della Morte. Già questi nomi attireranno l’attenzione di chi cerca le emozioni forti, eheheh! Immagino gli appassionati di film horror e musica rock e metal quanti selfie da condividere sui profili social potrebbero scattare qui nel “museo delle mummie”.

Naturalmente, oltre all’aspetto visivo in grado di evocare i film horror tra terrore e spavento, restiamo con i piedi per terra sul lato storico e culturale del luogo di culto.

Museo delle Mummie Oria
Museo delle Mummie Oria (Brindisi), la cripta da vedere sulla Basilica Cattedrale.

Si tratta di un luogo spettrale e affascinante. Le 22 nicchie conservano 11 mummie, ovvero i corpi degli ultimi confratelli mummificati. Sulla cornice delle nicchie sono stati posizionati i teschi. Nell’ambiente c’è un altare.

Orari per visitare la Cripta delle Mummie Oria

Quali sono gli orari di apertura e chiusura per visitare la Cripta delle Mummie di Oria? Per quanto riguarda gli orari e i giorni disponibili, consigliamo di telefonare in anticipo per prenotare una visita. Per quanto riguarda l’organizzazione, suggeriamo di contattare la cooperativa Nuova Hyria (numero di telefono 338 2655360) e mettersi d’accordo con il signor Vecchio Bruno. Chiedete il prezzo e gli sconti per gruppi e comitive.

L’ingresso della Cripta delle Mummie è a pagamento. Si paga, quindi, il costo di biglietto per il servizio di guida turistica. Magari, organizzate anche una visita negli Ipogei della Cattedrale.

Cripta delle Mummie di Oria
Cripta delle Mummie di Oria, Daniela che cerca di fare la faccia spaventata 🙂

Castello di Oria

Purtroppo il Castello di Oria è privato, per cui al momento non è stato possibile visitarlo all’interno. Siccome il maniero, dichiarato Monumento Nazionale è chiuso, consigliamo di vedere l’ingresso e l’esterno.

Castello di Oria
Castello di Oria, una torre vista dal Parco Montalbano.

Il caratteristico panorama del castello si può ammirare nei dintorni della città, oppure facendo una bella passeggiata nel Parco Montalbano.

Parco Montalbano

Cosa vedere a Oria? Consigliamo di fare una bella passeggiata nel Parco Montalbano. In primavera ed estate è sicuramente bello camminare e sedervi al fresco in questa villa che si trova ai piedi del castello.

Parco Montalbano
Alla scoperta delle bellezze architettoniche nel Parco Montalbano.

Musei di Oria: Museo archeologico di Oria e dei Messapi, Museo Diocesano, Biblioteca

Cosa visitare tra i musei di Oria? Cominciamo dal Museo archeologico di Oria e dei Messapi. Si trova all’interno di Palazzo Martini.
Quali sono gli orari di apertura e chiusura? Apre alle ore 9.00 di mattina e chiude alle ore 13.00. Consigliamo di telefonare in anticipo per essere sicuri di non trovarlo chiuso.

Museo di Oria Palazzo Manfredi
Museo Archeologico di Oria e dei Messapi con sede presso Palazzo Manfredi.

Museo Diocesano e Biblioteca diocesana dedicata al vescovo Kalefati. Si trova nel Palazzo Vescovile e consigliamo di organizzare una visita per vedere opere, dipinti, sculture, arredi sacri, ori, argenti e non solo. La biblioteca raccoglie oltre 10.000 volumi e molti sono a carattere sacro.
Oltre a consultare gli orari di apertura e chiusura del Museo Diocesano, suggeriamo di contattare in anticipo tramite telefono per organizzare la visita, così sarete sicuri di trovare aperto.

Se siete appassionati di libri e antichi manoscritti, consigliamo di visitare la Biblioteca Comunale De Pace – Lombardi. Daniela ed io cogliamo l’occasione per ringraziare le gentilissime ragazze della biblioteca per averci fornito un contatto molto utile, ovvero il numero di telefono per visitare il Museo delle Mummie.

Piccolo Museo del Bar a Oria Brindisi
Piccolo Museo del Bar a Oria in provincia di Brindisi (Puglia).

Aggiungiamo anche una chicca trovata durante la nostra passeggiata nel centro storico e precisamente in Corso Roma. Consigliamo di vedere il Piccolo Museo del Bar Carone. L’ingresso è libero e potrete vedere tanti oggetti che si trovavano nei bar d’epoca. In pratica abbiamo fatto un tuffo nel passato in un periodo che, Daniela ed io, abbiamo visto soprattutto nei film. Eheheh, in fondo siamo piccolini.

Quartiere Ebraico di Oria

Cosa vedere ancora? Non può mancare assolutamente una passeggiata alla ricerca di scorci nel Quartiere Ebraico di Oria. Come potete notare, c’è molto da visitare nella città pugliese in provincia di Brindisi che rientra nel favoloso Salento.

Quartiere Ebraico di Oria
Quartiere Ebraico di Oria in Puglia.

Continuate a perdervi a piedi tra le scalinate e i vicoli stretti del Quartiere Ebraico, perché ci sono tanti angoli nascosti molto interessanti. Cercate le case in stile giudaico.

Oria Quartiere Ebraico
Oria Quartiere Ebraico nel centro storico.

Torneo dei Rioni di Oria: Judea, Castello, S. Basilio e Lama

Speriamo di visitare la città pugliese per vedere il Torneo dei Rioni. Se capitate in zona quando c’è, non perdetelo, perché è una delle più importanti manifestazioni storico-medievali del Mezzogiorno d’Italia.

Durante l’evento Tornei dei Rioni si può assistere alla competizione tra i quattro rioni della città, ovvero Judea, Castello, S. Basilio e Lama. Passeggiando nel centro storico, incontrerete anche gli stemmi.
Da segnalare anche l’importanza dei Gruppi Sbandieratori e Musici della città.

Rioni di Oria
Rioni di Oria: incontri simpatici durante le nostre passeggiate nel centro storico.

Santuario San Cosimo della Macchia

Cosa visitare ancora? Tra le altre attrattive e chiese, fuori città potete andare a vedere il Santuario San Cosimo della Macchia.

Dove mangiare a Oria

Adesso vediamo dove mangiare a Oria. Nel centro storico e nei dintorni della parte nuova della città, si trovano tante strutture ricettive. Potete fare colazione in un bar, prendere l’aperitivo o fermarvi in gelateria e pasticceria. Per pranzare o cenare ci sono numerosi ristoranti, trattorie, pizzerie o bracerie.

Per mangiare velocemente potete scegliere una paninoteca, una rosticceria, un panificio con prodotti da forno. Ci sono negozi e supermercati per fare la spesa.

Città di Oria piazza Manfredi
Città di Oria, foto in piazza Manfredi.

Dove dormire a Oria

Ora scopriamo dove dormire a Oria. Potete usare app e siti come Booking, Airbnb o Subito per cercare dove pernottare per le vostre vacanze nella città in provincia di Brindisi. In alternativa, affidatevi all’agenzia viaggi di fiducia, ai contatti diretti e alle pagine social degli albergatori, ma chiedete consigli anche agli abitanti.

Si trovano facilmente B&B, case vacanza, appartamenti in affitto per brevi periodi. Nei dintorni, potete cercare anche dove dormire in Hotel, agriturismi e Masserie se preferite la tranquillità della campagna rispetto ai classici alberghi.

Centro storico di Oria cosa vedere
Centro storico di Oria cosa vedere: scalinate e scorci caratteristici.

Dove si trova Oria, come arrivare nel centro storico

Arriviamo subito alle indicazioni stradali con la cartina per parcheggiare l’auto. Dove si trova Oria e come arrivare nel centro storico?
Inseriamo via Mario Pagano (vedi il collegamento con le indicazioni stradali di Google Maps) come punto di inizio della passeggiata partendo da Porta Manfredi.
Tuttavia, cercate le traverse più comode da usare come parcheggio.

E adesso? Non vi resta che visitare questa bellissima città in provincia di Brindisi (Puglia) e mandare le vostre foto sui nostri profili social. Buon divertimento. Daniela ed io ci siamo divertiti tanto.

Lascia un commento